Giuseppe Verdi, Messa da Requiem Arena di Verona 13 luglio 2013 Direttore d'orchestra Myung-Whun Chung Mezzosoprano Daniela Barcellona Scene Igor Mitoraj Tenore Fabio Sartori Soprano Hui He Basso Vitalij Kowaljow Luci Paolo Mazzon Scarica il programma in PDF In occasione del Bicentenario Verdiano l'Arena di Verona celebra il maestro con la Messa da Requiem, suonata da Orchestra e Coro della Fondazione Arena di Verona e Orchestra e Coro della Fondazione La Fenice di Venezia. Concerti

Ferragosto in Arena con la La IX Sinfonia di Beethoven


Arena di Verona
Martedì 15 agosto 2017, ore 22

La Sinfonia n. 9 in re minore per soli, coro e orchestra op. 125 è l’ultima tra le sinfonie composte da Ludwig van Beethoven, che riceve la commissione dalla Società Filarmonica di Londra nel 1817. La principale opera di stesura avviene tra il 1822 e il 1824, data di completamento dell’autografo; Beethoven aveva concepito l’idea di scrivere due sinfonie di dimensioni e carattere insoliti, una delle quali puramente strumentale, l’altra con l’intervento del canto. A questi due progetti se ne aggiunge un terzo, che dà unità e compimento al lavoro: mettere in musica l’Ode alla Gioia di Friedrich Schiller. La libertà politica e di pensiero, essenza della Gioia illuminista e concetto cardine dell’ode schilleriana, era infatti un tema assai caro a Beethoven che aveva fatto propri quegli ideali permeati di laica religiosità e di slancio universalistico. La IX Sinfonia di Ludwig van Beethoven riecheggerà nello spazio senza tempo dell'Arena di Verona in un meraviglioso gioco di musica e luci: sfondo e accompagnamento di Voci soliste, Coro e Orchestra. Ti aspettiamo il 15 agosto per un Gala dedicato alla Sinfonia che più di altre celebra gli ideali di libertà e di fratellanza universale.

Direttore d’Orchestra Daniel Oren
Lighting Designer Paolo Mazzon
Orchestra, Coro e Tecnici dell’Arena di Verona

Soprano Erika Grimaldi
Contralto Daniela Barcellona
Tenore Saimir Pirgu
Baritono Ugo Guagliardo

La Sinfonia n. 9 in re minore per soli, coro e orchestra op. 125 è l’ultima tra le sinfonie composte da Ludwig van Beethoven, che riceve la commissione dalla Società Filarmonica di Londra nel 1817. La principale opera di stesura avviene tra il 1822 e il 1824, data di completamento dell’autografo; Beethoven aveva concepito l’idea di scrivere due sinfonie di dimensioni e carattere insoliti, una delle quali puramente strumentale, l’altra con l’intervento del canto. A questi due progetti se ne aggiunge un terzo, che dà unità e compimento al lavoro: mettere in musica l’Ode alla Gioia di Friedrich Schiller. La libertà politica e di pensiero, essenza della Gioia illuminista e concetto cardine dell’ode schilleriana, era infatti un tema assai caro a Beethoven che aveva fatto propri quegli ideali permeati di laica religiosità e di slancio universalistico.
La IX Sinfonia di Ludwig van Beethoven riecheggerà nello spazio senza tempo dell’Arena di Verona in un meraviglioso gioco di musica e luci: sfondo e accompagnamento di Voci soliste, Coro e Orchestra.
Un Gala dedicato alla Sinfonia che più di altre celebra gli ideali di libertà e di fratellanza universale.

Il direttore d'orchestra Daniel Oren fuori dall'Arena di Verona prima della prima di Turandot

Il direttore d’orchestra Daniel Oren all’Arena di Verona nel 2013

FESTIVAL ARENIANO. Gli interpreti: Grimaldi soprano, Barcellona mezzosoprano, Pirgu tenore e Guagliardo basso

Appuntamento a Ferragosto
Torna la magia di Beethoven

Gianni Villani

La Nona sinfonia in re minore è l’ultimo evento previsto in tabellone Il capolavoro mancava da 36 anni e sarà diretto dal maestro Oren

sabato 12 agosto 2017 SPETTACOLI, pagina 43

C’era la totalità degli interpreti vocali, ieri mattina, alla presentazione dell’ultimo impegno stagionale del festival areniano: la Nona Sinfonia in re minore di Beethoven che andrà in scena il giorno di Ferragosto alle 22. Una partitura che mancava da 36 anni nel nostro anfiteatro e che potrà contare in questa occasione sulla direzione del maestro Daniel Oren (la celebre bacchetta, attardata in autostrada, non ce l’ha fatta a raggiungere gli altri componenti della compagnia) e sugli interventi del soprano Erika Grimaldi, del mezzosoprano Daniela Barcellona, del tenore Saimir Pirgu e del basso Ugo Guagliardo.Nell’illustrare l’evento alla stampa, il sovrintendente Giuliano Polo non ha potuto sottacerne il momento importante che riveste: «È un’occasione straordinaria dove parliamo solo di musica e musica d’eccellenza», ha ricordato, «perché possiamo contare su quattro artisti di valore e su una direzione d’orchestra che sicuramente daranno lustro ad un brano che è un caposaldo della storia musicale di ogni tempo».Tutti e quattro i solisti hanno quindi voluto fornire un personale commento alla serata. Erika Grimaldi ha raccontato di aver già cantato a Verona (nel 2009 al Filarmonico), ma di giungere per la prima volta in Arena, immaginando tutte le emozioni del caso. Daniela Barcellona ha ricordato simpaticamente di aver partecipato ad una Messa da Requiem verdiana, “molto realistica” con tuoni e fulmini che bene si adattavano al momento. «È bello cantare comunque all’aperto in Arena», ha aggiunto, «e ne ho avuto una prova anche di recente partecipando all’Aida».«Torno a cantare nella città dove abito da anni e confesso di essere stato fortunato», sono state le dichiarazioni di Saimir Pirgu. Mi hanno chiamato sempre per spettacoli importanti e speciali, come l’inaugurazione del Don Giovanni, per la prima di Rigoletto ed ora per questa grande sinfonia».Ha concluso il debuttante Ugo Guagliardo sottolineando come la magia dell’Arena sia speciale ed unica: «L’afa di questi giorni ci ha condizionato a lungo, ma poi l’affetto e il calore della marea di spettatori ci ha ripagato di tutto».Il sovrintendente Polo ha voluto concludere gli interventi indicando la grande partecipazione del pubblico e la professionalità delle maestranze della Fondazione, sottolineando come con l’apporto di tutti si possano raggiungere molti obiettivi.«Il gran caldo non ci ha certo favorito, ma la stagione ha potuto finora progredire con risultati soddisfacenti per l’altissima qualità artistica dei partecipanti. Contiamo di concludere questa importante stagione con successo e di poter fornire ben presto il programma completo della prossima stagione al chiuso che si svolgerà al Teatro Filarmonico».

IL GALA. Questa sera alle 22 torna il capolavoro del compositore tedesco, l’ultima volta nel 1981

C’è la Nona di Beethovenn L’Arena ritrova il Genio

Gianni Villani

A dirigere ci sarà Daniel Oren unitamente agli apporti di Erika Grimaldi, Daniela Barcellona, Ugo Guagliardo e Saimir Pirgu, che torna a cantare nella città dove vive

martedì 15 agosto 2017 SPETTACOLI, pagina 49

La Nona Sinfonia di Beethoven è una grande composizione sinfonico corale che si imparenta perfettamente con la grandiosità del nostro anfiteatro, per prestarsi, al pari del Requiem verdiano e ai Carmina Burana di Orff, ad una serata di gala ad alta temperatura musicale. La sua ultima apparizione in Arena risale al 7 agosto 1981, quando il sovrintendente Carlo Alberto Cappelli ne volle allargare la conoscenza al grande pubblico, affidandola all’allora direttore musicale Pier Luigi Urbini e alle voci soliste di Margherita Rinaldi, Helga Dernesch, Ernst Schramm e Rainer Goldberg. Questa sera, alle ore 22, la celebre pagina potrà invece contare sulla concertazione del maestro Daniel Oren unitamente agli apporti solistici di Erika Grimaldi, Daniela Barcellona, Saimir Pirgu e Ugo Guagliardo. La concezione della celebre Nona, con finale sull’ode An die Freude (Alla gioia) di Friedrich Schiller, parte da molto lontano, forse ancora da un Lied del 1795, separata da oltre dieci anni dalla precedente Ottava Sinfonia. E fa parte di quel gruppo di composizioni in cui il genio di Beethoven, ormai giunto alle supreme vette tecniche ed espressive nelle forme tramandate, cerca in se stesso un mondo nuovo, spezzando definitivamente le barriere della tradizione per conquistare nuove possibilità di espressione. Come gli ultimi quartetti e sonate per pianoforte, anche la Nona Sinfonia, risente di queste importanti novità di concezione. Sarebbe dunque difficile cercare in questo pezzo temi sull’esempio di quelli che si trovano in precedenza, cantabili e lirici in senso talora romantico. Qui gli incisi tematici spesso non hanno un valore melodico autonomo. Sono solo materiale greggio che sostanzia di se stesso ogni battuta della musica. Così l’Allegro ma non troppo iniziale attacca con un inciso ritmico di straordinaria semplicità che poco dopo dà vita ad un tema incisivo di sole quattro battute su cui si erge la sua monumentale costruzione, formidabile per i risultati che sa ottenere. Al secondo tempo sta invece lo Scherzo molto vivace, una delle pagine più sconvolgenti uscite dalla penna di Beethoven, di una forza comunicativa e di una novità espressiva assolutamente conquistatrici. Segue il terzo movimento Adagio molto e cantabile, svolto su due temi pacati e lirici, variati alternativamente nel suo corso, ricco di varietà ritmiche e formali. A conclusione l’Allegro assai in cui la voce umana si presenta per la prima volta sul recitativo del basso nel celebre «Amici, non questi suoni; alto e più grato canto leviamo». Un finale che presenta il tripudio delle masse corali e orchestrali attorno alle nobili parole di Schiller. Il brano è di una sconcertante novità e complessità su cui Beethoven costruisce una doppia fuga, vero e proprio culmine di questa titanica sinfonia, conclusa con un inno grandioso di gioia e di fiducia nell’uomo. «È un’occasione straordinaria dove parliamo solo di musica e musica d’eccellenza», ha ricordato il sovrintendente Giuliano Polo quando è stato presentato l’evento, «perché possiamo contare su quattro artisti di valore e su una direzione d’orchestra che sicuramente daranno lustro ad un brano che è un caposaldo della storia musicale di ogni tempo».«Torno a cantare nella città dove abito da anni e confesso di essere stato fortunato», ha concluso Saimir Pirgu. «Mi hanno chiamato sempre per spettacoli importanti e speciali, come l’inaugurazione del Don Giovanni, per la prima di Rigoletto ed ora per questa grande sinfonia».